CELEBRAZIONI DEI CINQUANT’ANNI DALLA SCOMPARSA DEL MAESTRO ARTURO TOSCANINI – prato

Comitato Internazionale
per le Celebrazioni dei cinquant’anni dalla scomparsa del Maestro
Arturo Toscanini

VIVA TOSCANINI
Maestro del Tempo

Teatro Politeama Pratese
16 – 30 novembre 2007

Per le celebrazioni dei cinquant’anni dalla scomparsa del Maestro Arturo Toscanini, il Teatro Politeama Pratese ospita dal 16 novembre al 20 dicembre 2007 la mostra Viva Toscanini, Maestro del Tempo, progetto ideato e organizzato dal Comitato Internazionale per le Celebrazioni dei cinquant’anni dalla scomparsa del Maestro Arturo Toscanini.
Venerdì 16 novembre, alle ore 21, in occasione dell’inaugurazione della mostra, il grande attore Arnoldo Foà interpreterà sul palco del Politeama la pièce teatrale Io, Arturo Toscanini, realizzata da Piero Melograni tratta dal suo libro Toscanini, la vita, le passioni, le opere per la regia di Giulio Farnese. Un’opera che mette in risalto il rapporto tra Toscanini, gli Stati Uniti d’America e Israele.
L’evento è realizzato grazie al prezioso contributo della Provincia di Prato.

Nei locali appena recuperati al primo piano del Teatro, la mostra, curata da Angelo Bucarelli attraverso un percorso sensoriale e avvolgente, ricostruirà la personalità dell’indiscussa figura del Direttore d’orchestra, del suo carattere così energico, del suo grande talento musicale, del suo mondo, del ruolo che ha avuto nel passaggio da una musica riservata ai momenti e gli spazi dell’esecuzione a quella diffusa e conosciuta attraverso le nuove tecnologie del XX secolo. Oggetti, costumi, opere e spartiti originali, contribuiranno a raccontare gli aspetti più salienti della vita di Toscanini che come scrisse Eugenio Montale “ è stato l’uomo, che più di ogni altro sul finire del secolo Diciannovesimo e nei primi del Ventesimo, ha contribuito ad elevare il livello del teatro musicale italiano, mutando e trasformando radicalmente una situazione di fatto che sembrava ormai inguaribile e immodificabile”. Dall’esigenza che i cantanti dovessero essere anche attori, dalla selezione durissima degli orchestrali spostati nel “golfo mistico”, alla cura maniacale del loro abbigliamento, dall’imposizione del buio durante lo spettacolo, a vietare l’ingresso al pubblico a rappresentazione iniziata, all’abolizione dei balletti che accompagnavano le opere, nessun direttore si era mai occupato di tutti questi particolari e le sue messe in scena sbalordirono spettatori e critici per la ricercatezza e la raffinatezza.
Nell’allestimento della mostra si incroceranno, in spazi disegnati dalla luce, diverse proiezioni su schermo tratte dai filmati di archivi istituzionali e privati, selezionati secondo le tesi della mostra con la regia di Roberto Fermi. Farà da corollario materiale fotografico ingrandito e ritagliato che avrà come scopo quello di creare un incontro particolare e forte con la figura del Maestro. Un’inedita sequenza di suoni, in cui si mescoleranno voci, musica, trasmissioni radio e rumori dell’orchestra, arie e canto servirà a creare un suggestivo dedalo musicale che orienterà il visitatore estraniandolo dal tempo presente e trasportandolo nel mondo di Toscanini.
In occasione della mostra, allo stilista marchigiano Vittorio Camaiani è andato l’onore di restaurare il Frac indossato dal Maestro durante i momenti più importanti, e una lunga galleria di costumi ci racconterà inoltre il complesso rapporto del grande direttore con il mondo femminile.
Troveremo anche gli abiti firmati Roberto Devalle per la Turandot, la Butterfly, l’Aida, il Falstaff e la Traviata, tutte opere dirette dal Maestro. Tra i memorabilia presenti, appartenuti a Toscanini, ci sarà la partitura della Salomè con le sue annotazioni in rosso, la sua bacchetta autografata, i suoi cravattini, i suoi occhiali a pinza, il suo famoso poncho che indossava nei momenti di relax, il busto in bronzo raffigurante Toscanini realizzato nel 1920 da Aldebrando Madami.

Viva Toscanini, Maestro del Tempo che ha avuto una prima tappa a Torino presso l’Auditorium Rai (Piazza Rossaro, Torino), intitolato per l’occasione “Arturo Toscanini”, sarà poi ospitata a Roma presso il Senato della Repubblica il prossimo febbraio e in seguito a New York, Tel Aviv, Shanghai e Pechino. La mostra è’ accompagnata da un catalogo.

Il Comitato Internazionale per le Celebrazioni dei cinquant’anni dalla scomparsa del Maestro Arturo Toscanini è stato creato per celebrare i 50 anni dalla morte, il Presidente è il Maestro Roman Vlad, musicologo di fama internazionale, il Presidente del Comitato dei Garanti è Donna Emanuela di Castelbarco, nipote di Toscanini, il Segretario Generale è Paola Severini, giornalista. Per celebrare il Maestro Toscanini, sono stati organizzati una serie di eventi ad hoc e altri sono in procinto di essere attuati, la lista completa di tutti i membri del Comitato e tutte le informazioni relative alle manifestazioni da questo organizzate si trovano nel sito http://www.vivatoscanini.it.

Le manifestazioni si avvalgono del patrocinio del Senato della Repubblica, del Ministero delle Comunicazioni, del Ministero della Pubblica Istruzione, del Ministero della Giustizia, del Ministero degli Esteri in particolar modo della Direzione degli Istituti di Cultura Italiani all’Estero, dell’Ambasciata degli Stati Uniti e d’Israele, della regione Piemonte, della Provincia di Prato, della Compagnia di San Paolo di Torino, della Fondazione Cassa di Risparmio di Roma, di Lancia e del Teatro Politeama Pratese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...